infografica temi trattati wmq

26 dic [Infografica] I migliori status Facebook 2013 di WMQ (o meglio, i miei preferiti)

2013 in sintesiSta per concludersi un anno ricco di investimenti in formazione e soddisfazioni a livello lavorativo e personale; lo stage in Benetton è stato da 10 e lode, mi ha fatto crescete sotto molteplici punti di vista, sia lavorativi, che umani; l’esperienza con Marketers Club si è rivelata superlativa, una palestra che mi ha permesso di sperimentare e acquisire competenze pratiche sul project management e sulla gestione di un team;

È stato un 2013 all’insegna delle piacevoli conoscenze. Tra conferenze, università, eventi e progetti vari ho avuto la fortuna di rimanere coinvolto in conversazioni davvero stimolanti; avere una cerchia di amici e conoscenti con i quali potersi confrontare in maniera costruttiva è uno dei piaceri della vita.

Sul piano delle letture, tra saggi, manuali, romanzi classici e blog, probabilmente è in assoluto l’anno in cui ho letto di più. Penso non ci sia stato un solo giorno in cui non abbia imparato qualcosa di nuovo. :) A riguardo ho da poco aperto un nuovo blog, in cui annoto  errori e lezioni apprese attraverso le mie esperienze: Startup di Laurea

Per quanto riguarda Weekly Marketing Quote, ho raccolto in una infografica i dati più significativi di questo 2013, compresi i migliori status; ringrazio Evernote ed excell che mi hanno reso facile il lavoro di data mining :) La trovate completa al link qui sotto:

INFOGRAFICA WMQ 2013 VISIBILE SU INFOGRAMinfografica temi trattati wmq

top status 2013 wmqRiporto in questo post i migliori 25 status pubblicati sulla pagina Facebook di Weekly Marketing Quote nel corso del 2013:

Probabilmente una delle cose più difficili di ogni progetto è la costanza.

L’università aiuta a crescere come persone, me ne rendo veramente conto ora che mi sono affacciato al mondo del lavoro.
Penso che aiuti non tanto grazie agli insegnamenti accademici, ma in particolar modo grazie alla possibilità di fare molte altre esperienze che altrimenti non si avrebbe il tempo o l’occasione di fare.

– Dagli status simbol ai mind simbol.
– Da vantaggio competitivo a “vantaggio collaborativo”.
– Dal fare comunicazione all”essere comunicazione.
Alcuni dei passaggi interessanti dell’ultimo libro di Mirko Pallera (ninja marketing) che sto leggendo.

Capo che hai, atmosfera che trovi.

Anche tu sei passato dall’essere consumatore all’essere consumAUTORE?

#riflessione #lavoro #colleghi
Con le persone sicure di sè e aperte al confronto si possono avere conversazioni costruttive.
Perchè non hanno complessi di inferiorità e paura di essere scavalcate, 2 tra le principali cause di scortesia e malumori.

In questo periodo ho avuto modo di conversare con ex manager di Levi’s e P&G, con grandi esperienze nel mass market; mi sono reso conto di come, nei metodi di lavoro, queste aziende siano veramente avanti anni luce rispetto alla maggior parte degli attori più piccoli.
Il marketing da manuale si fa/crea li.

#smarketing
Il piacere dell’orgia della cosa material, del riempire il carrello. Esiste ancora? La crisi ha placato questa smania di consumismo?

Uno dei maggiori problemi di gestione è dato dal surplus di dati e informazioni, più che dalla loro insufficienza.

Il libro “Create!” è una miniera di perle di saggezza, oggi condivido questa:
Citando Winston Churchill: “Gioca per più di quello che puoi permetterti di perdere e imparerai il gioco”.
Questo non è il momento di stare alla finestra a guardare ma di fare quello che gli altri non hanno il coraggio di fare.

“Se l’opportunità non bussa, costruisci una porta”
Cit. Milton Berle

Nessun progetto tecnico è efficace se non si prevede un coinvolgimento dei destinatari finali.

“il web e i social non sono materie riservate solo ai giovani, e non sono nemmeno materie da delegare al nipote di 18 anni che “smanetta con Facebook”.

Il mercato cinese va affrontato con valutazioni chirurgiche. Restringendo target ed aree geografiche. Focalizzarsi.

C’era un tempo in cui il mercato era affamato di oggetti, dove le “cose” venivano comprate per il semplice fatto di essere comunicate.

Si hanno maggiori probabilità di sopravvivere a un incidente aereo che fare clic su un banner.
theatlanticwire.com

Approfondire non deve diventare una scusa per procrastinare.

Serendipità
è un neologismo indicante la sensazione che si prova quando si scopre una cosa non cercata e imprevista mentre se ne sta cercando un’altra.

Quando si parla di prezzi viene fuori il meglio della nostra irrazionalità.

Attenzione ai questionari.
Se pensati e costruiti male, o somministrati alle persone sbagliate, rischiano di essere fuorvianti.

Dovremmo provarci
Posso provarci
Ci proverò
Ci sto provando
La scelta del verbo è importante.

Victoria Hale

#naming
Per quanti libri e articoli sul tema abbia letto, i nomi decenti continuo a trovarli sotto la doccia.
Mistero.

Viviamo nell’era dell’opportunismo di massa.
Cit. @usontwtt

Francesco Favaro
favaro.france@gmail.com

Laurea Magistrale in Marketing e Comunicazione. Attualmente sono Marketing Assistant in SodaStream Italia. Leggo molti saggi e manuali, per il desiderio di capire di più, e più a fondo. . Osservatore. Profilo Google +

No Comments

Post A Comment